Home In cucina Pasta all’amatriciana

Pasta all’amatriciana

pasta all'amatriciana

La ricetta della pasta all’amatriciana si perde nelle tradizioni contadine delle campagne romane, e trae le sue origini ed il suo nome dalla cittadina di Amatrice, in provincia di Rieti. Sembra che in origine, il condimento non prevedesse l’aggiunta di pomodoro: questa pasta veniva chiamata pasta alla Gricia (o Griscia in onore del paese di Grisciano, vicino ad Amatrice). I pastori portavano nelle loro sacche tutto l’occorrente per cucinarla.

Allora come oggi, vengono utilizzati pochi e saporiti ingredienti: il gunaciale, il Pecorino Romano DOP, ed un pizzico di peperoncino da unire ai pomodori pelati.

Noi vogliamo passarvi la ricetta del Consorzio di Tutela del Pecorino Romano.

INGREDIENTI

pasta all'amatriciana
  • BUCATINI 400 g (o spaghetti, a seconda dei gusti)
  • GUANCIALE 250 g
  • POMODORI pelati 6/7 i
  • OLIO extravergine d’oliva 4 cucchiai
  • PEPERONCINO in polvere q.b.
  • PECORINO ROMANO DOP grattugiato 60 g
  • SALE q.b.

PREPARAZIONE

Il vero segreto alla base della pasta all’amatriciana è il grasso, ovvero la parte bianca e leggermente rosata del guanciale. Per ottenere un’ottima rosolatura, bisognerà tagliare il guanciale a listarelle molto lunghe e sottili. Non tagliarlo e in nessun caso a cubetti perché si rischierebbe di indurire la parte magra in fase di cottura.

Rosolare insieme all’olio e al peperoncino in una padella capiente. Tradizionalmente, veniva usata una padella di ferro, indispensabile per la vera pasta amatriciana.

Quando il guanciale sarà ben croccante aggiungere i pomodori pelati e far cuocere il sugo a fuoco lento per circa 30 minuti, aggiustando di sale. I pomodori dovranno sfaldarsi.

Mettere a bollire abbondante acqua e lessare i bucatini scolandoli al dente.

Quindi, versare nella padella con il sugo e mescolare qualche minuto per finire la cottura.

Una volta pronti togliere dal fuoco e spolverare i bucatini con abbondante Pecorino Romano DOP grattugiato. Servire ben caldi.